Caricamento...

Euro 2021, si gioca anche a Roma, le partite ospitate


Sarà un europeo di calcio innovativo quello che si svolgerà straordinariamente nel 2021, date le complicazioni date dal covid che ne hanno impedito lo svolgimento nell’estate del 2020; sarà innovativo perché sarà un campionato itinerante per tutti i paesi europei, sei confuso? Facciamo chiarezza!

UEFA EURO 2020…anzi 2021!

Il coronavirus ha fermato anche uno dei mondi che difficilmente è solito fermarsi, dato il circo mediatico che muove e i grandiosi flussi di denaro che lo circondano. La pandemia globale di coronavirus, che ha sconvolto il mondo intero non risparmiando l’Europa, ha rimandato anche uno degli appuntamenti più attesi dal punto di vista calcistico, i campionati europei per le nazionali. UEFA EURO 2020 non è stato l’unico evento sportivo di portata mondiale ad essere stato spostato, dopo qualche tentennamento infatti anche le Olimpiadi che in quest’estate si sarebbero dovute svolgere a Tokyo sono state rimandate al prossimo anno per motivi di sicurezza. Così per buona pace dei tifosi e degli appassionati dello sport, sarà possibile seguire tutti questi eventi la prossima estate.

La formula dell’europeo diffuso in tutta Europa

È una formula innovativa quella che vedrà giocare il prossimo campionato europeo non tutto in un solo paese organizzatore, ma in tante città dei paesi europei. A scegliere per questa modalità fu l’allora presidente dell’UEFA Michel Platini, che nel 2012  optò per questa soluzione andando incontro al momento di crisi generale dell’economia e anche per una partecipazione più diffusa di tutti i tifosi. Infatti organizzare una competizione sportiva simile richiede agli stati organizzatori un grande sforzo di adeguamento delle proprie infrastrutture, che nella situazione odierna sarebbe difficilmente sostenibile. Così invece che allargare a soli due paesi l’organizzazione della competizione sportiva come è già stato fatto per le edizioni del 2000 (Olanda e Belgio), 2008 (Austria e Svizzera) e 2012 (Polonia e Ucraina), si è deciso di lasciare alle singole città europee la facoltà di candidarsi e ospitare alcune partite del torneo.

Le città che ospiteranno le partite della fase finale dell’europeo

Ora che siamo in dirittura d’arrivo delle fasi finali dell’europeo 2021, si conoscono le città che ospiteranno le partite e anche chi avrà l’onore di accogliere semifinalisti e finalisti che giocheranno tutti nella stessa città e sono: Baku (Azerbaigian), Copenhaghen (Danimarca), San Pietroburgo (Russia), Amsterdam (Olanda), Bucarest (Romania), Londra (Inghilterra), Glasgow (Scozia), Bilbao (Spagna), Dublino (Irlanda), Monaco di Baviera (Germania), Budapest (Ungheria) e infine anche nella nostra Roma.

Roma, le partite ospitate nella capitale

Roma come detto sarà una delle città che ospiterà le fasi finali di UEFA EURO 2020 e con grande gioia dei tifosi italiani, sarà la partita inaugurale del campionato. Venerdì 11 giugno infatti le porte dell’Olimpico si apriranno ai giocatori azzurri che sfideranno i campioni della selezione turca, alle 21. La seconda partita ospitata nello stadio dove giocano Lazio e Roma, sarà mercoledì 16 giugno e vedrà la nostra nazionale e la vicina Svizzera, sempre alle 21, per finire con la fase a gironi domenica 20 giugno alle 18, con la partita Italia-Galles. Roma poi ospiterà un’altra partita della fase a eliminazione diretta degli europei, un quarto di finale nel quale però, sarà impossibile a causa degli abbinamenti poter vedere giocare la nostra nazionale, che invece potrà giocare a Baku o a Monaco di Baviera. Le semifinali e le finali invece si svolgeranno a Londra, tra il 6 e l’11 luglio. Il calendario completo di tutte le partite è consultabile qui.

Le partite a Roma in breve

  • Venerdì 11 giugno, fase a gironi
    Turchia – Italia (21:00, Roma)
  • Mercoledì 16 giugno, fase a gironi
    Italia – Svizzera (21:00, Roma)
  • Domenica 20 giugno, fase a gironi
    Italia – Galles (18:00, Roma)
  • Sabato 3 luglio, Quarti di finale
    Vincente 8 – Vincente 7 (21:00, Roma)

0 Commenti

Commenta