Tuscia in Fiore, l'edizione 2024 nei weekend di maggio: i borghi protagonisti | Roma.Com

Tuscia in Fiore, l’edizione 2024 nei weekend di maggio: i borghi protagonisti

Torna dopo il successo delle passate edizioni Tuscia in Fiore, un viaggio alla scoperta dei borghi del viterbese nei weekend di maggio tra degustazioni, mercatini e molto altro. E tu andrai a vederla?

Torna Tuscia in Fiore, i weekend di maggio alla scoperta dei borghi del viterbese

Maggio fa rima con Tuscia in fiore. Torna il festival mensile che valorizza i piccoli borghi e le specialità del territorio della provincia di Viterbo. Quattro fine settimana consecutivi con protagonisti un borgo per volta, con un ricco programma che prevede l’esaltazione di fiori e di peperino, pittura emozionale per bambini, scacchi, riciclo artistico, degustazioni di prodotti tipici, mercatini a cura delle Pro loco, cantine aperte e botteghe degli antichi mestieri. La domenica mattina raduno di bici, vespe piaggio e fiat 500 più una passeggiata con guida turistica.

I primi due fine settimana e i paesi protagonisti

Si parte sabato 4 e domenica 5 maggio con Villa San Giovanni in Tuscia, di origine rinascimentale e circondato da oliveti e castagni. Il weekend successivo toccherà a due borghi situati sui monti Volsini, a pochi km dal Lago di Bolsena come Onano, costruito nell’ultimo periodo dell’impero Romano e Latera, di origine medievale, arroccato a chiocciola su un colle situato al margine nord-orientale di una vallata di origine vulcanica.

Gran finale sul lago di Bolsena con la visita del borgo di Marta

Il 18 e 19 spazio a Bassano in Teverina, situato in una posizione dominante rispetto alla sottostante valle del Tevere, sulle ultime propaggini settentrionali dei monti Cimini. Gran finale domenica 26 maggio con il borgo dei pescatori di Marta, arroccato su un colle dal quale si domina la vista sul lago di Bolsena e le case in tufo, con le caratteristiche vie e scalinate, sono a loro volta dominate dalla Torre dell’Orologio di forma ottagonale costruita su un basamento tronco-piramidale e dai resti della Rocca che Papa Urbano IV fece costruire intorno al 1260

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI