Roma in tram, alla scoperta dei dintorni di Prenestina/ Irpinia | Roma.Com

Roma in tram, alla scoperta dei dintorni di Prenestina/ Irpinia

La fermata Prenestina/ Irpinia non è solamente un punto di riferimento per i pendolari, che viaggiano per Roma con i mezzi, ma anche per i turisti, che scendendo a questa stazione del tram possono esplorare Roma e i suoi tesori. Ecco per esempio cos’ha da offrire questa zona.

Un buon punto di riferimento per i pendolari

Prenestina/Irpina è una stazione piuttosto frequentata dai romani, che si collega a ben tre linee del tram, la 14, la 5 e la 19. I pendolari la considerano infatti come un ottimo punto di riferimento, dato che salendo a questa fermata possono spostarsi per tutta Roma.

In realtà partendo da Prenestina/Irpina possono anche uscire dalla città attraverso i mezzi. La fermata si collega anche alla stazione di Roma Termini, dalla quale è poi possibile spostarsi per l’Italia in treno. Tutto ciò quindi non fa che definire Prenestina/Irpina come un buon riferimento per chi decide di lasciare la macchina a casa e viaggiare sulle rotaie.

La Chiesa di Sant’Agapito, un piccolo tesoro della zona

Prestina/Irpina non è però solamente un punto da cui partire. È anche una stazione alla quale scendere per godersi qualche tesoro romano, come la Chiesa di Sant’Agapito, che si trova a solamente 5 minuti dalla fermata.

Quest’ultima è una struttura religiosa molto piccola, ma dall’atmosfera particolarmente suggestiva. Sembra poi che sorga su un punto di Roma molto antico, nel quale un tempo sorgeva la chiesa dedicata al martire Felicissimo e ad Agapito, a cui è dedicata la chiesa di oggi.

L’immenso e verde parco dei Gordiani

Nei pressi della stazione Prenestina/Irpina c’è poi uno storico spazio verde, che è perfetto per godersi una passeggiata e rilassarsi. Quest’ultimo è il Parco dei Gordiani. Dista solamente 2 minuti di passeggiata dalla fermata del tram, per cui è molto semplice da raggiungere.

Vale davvero la pena fermarsi a visitarlo perchè ospita i resti del complesso di edifici appartenuti alla famiglia Gordiani. Dei residui di antichi palazzi che sono tuttora visibili, come quelli di alcune cisterne, del mausoleo e dell’aula ottagonale, ovvero l’enorme sala che faceva da ingresso alla villa.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI