Spring Attitude 2022, negli studi di Cinecittà il festival di musica elettronica | Roma.Com

Spring Attitude 2022, negli studi di Cinecittà il festival di musica elettronica

Torna nella Capitale, negli studi cinematografici di Cinecittà, Spring Attitude, festival internazionale di musica e cultura contemporanea: ecco il programma completo

Musica moderna nel cuore dell’antichità

Dai mostri sacri dell’elettronica mondiale ai migliori rappresentanti del pop più innovativo, passando per i protagonisti della nuova scena italiana, la primavera musicale della Capitale si conferma in calendario a settembre. Spring Attitude, il festival internazionale di musica e cultura contemporanea firma la sua undicesima edizione e torna venerdì 16 e sabato 17 settembre agli Studi di Cinecittà, una location fortemente simbolica arrivata alla fama mondiale negli anni a ridosso del boom economico grazie alle straordinarie ricostruzioni del mondo antico. Due palchi prenderanno vita nel Set dell’Antica Roma, uno degli spazi permanenti all’interno degli Studios, vicino al mitico Teatro 5 di Fellini. Fra live e dj set, performance e musica, installazioni e arte digitale, Spring Attitude torna dopo due anni di sospensione pandemica con un titolo in sintonia con il generale clima di ripartenza e rinascita dello spettacolo dal vivo: Restart the Future.

Il programma di venerdì 16 settembre

Venerdì 16 settembre in cartellone il dance floor fra femminismo, attivismo LGBT e impegno sociale dell’americana The Blessed Madonna; Cosmo con la sua malinconica e al tempo stesso gioiosa fusione fra canzone d’autore e clubbing; e il punk-urban anarchico del talento esordiente Centomilacarie. Arricchisce la serata il pop fluido della vera rivelazione della musica italiana di quest’anno Ditonellapiaga, fresca della sua ultima uscita discografica Camouflage e la vittoria della Targa Tenco 2022 per la sezione Opera Prima: un tripudio di stile ed eclettismo sonoro che nella sua versione live sta già infiammando i palchi di mezza Italia. Ancora, il cantautorato indie di Fulminacci, che in poco più di due anni si è imposto come vero protagonista della nuova scena italiana, vincendo anche il Premio Tenco con il suo album d’esordio e gli arditi flussi sperimentali di Iosonouncane. A rapire il pubblico del festival anche i Red Axes, duo israeliano in grado di far dialogare elettronica e post-punk, disco e garage, rock e techno; e l’iperbolico crossover dei 72 Hour Post Fight, progetto collaborativo targato La Tempesta Dischi e firmato da Fight Pausa e Palazzi D’Oriente, che trova la giusta armonia fra jazz, math rock, emo, ambient e downtempo.

Il programma di sabato 17 settembre

Sabato 17 settembre grande attesa per l’esibizione dei Calibro 35, che ormai da anni incantano il pubblico internazionale con un funky-soul cosmico dagli echi exploitation, sul palco di Spring Attitude con il mito di Ennio Morricone. Indiscussa protagonista della serata anche la regina dell’elettronica mondiale Ellen Allien, ormai di casa al Festival; e l’inconfondibile groove funky-dance dei Nu Genea con il loro nuovo format Nu Genea invite: invitano sul palco i Kokoroko, una delle più sorprendenti formazioni della nuova scena jazz e afrobeat inglese. Negli Studi di Cinecittà arrivano anche i Post Nebbia con la loro neo-psichedelia postmoderna dagli accenti esoterici e il talentuoso polistrumentista siracusano Marco Castello tra pop, funk, jazz e blues. Le ultime pennellate a questo straordinario affresco musicale arrivano per mano di altri due artisti italiani di spicco: il venerabile Venerus con la sua world music allucinata e psichedelica che si nutre di R’N’B, soul e funky-jazz; e Whitemary, ipnotica autrice, compositrice, producer e musicista. I biglietti per partecipare sono disponibili su dice.fm. Gli abbonamenti sono già sold out.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI