Vicino Roma, Settefrati, immerso nel verde e ricco di edifici religiosi | Roma.Com

Vicino Roma, Settefrati, immerso nel verde e ricco di edifici religiosi

All’interno del Parco Nazionale del Lazio, Abruzzo e Molise si trova il piccolo borgo di Settefrati, ricco di prodotti tipici, di tradizioni e di edifici religiosi

Settefrati, le caratteristiche generali del borgo situato tra Lazio e Abruzzo

Al confine tra il Lazio e l’Abruzzo, in provincia di Frosinone e all’interno del Parco Nazionale si trova il piccolo borgo di Settefrati, situato nella Valle di Comino. Il suo nome deriva dai Santi Sette Fratelli figli di Santa Felicita, martirizzati con la madre nel corso della persecuzione dei cristiani nell’Impero romano. Ospita nel suo grazioso centro storico diversi edifici religiosi di rilievo, in una zona dove potere trascorrere qualche ora lontani dallo smog e dal caos cittadino per rigenerarsi all’insegna del verde e dei prodotti tipici che offre il territorio, dalla produzione di vini e formaggi alle salsicce di fegato, da degustare anche insieme alla polenta.

Settefrati e le sue numerose chiese

La chiesa principale di Settefrati è dedicata a Santo Stefano Promartire e sorge nella parte più alta, accanto alla torre. Dell’antica chiesa dei Santi Sette Fratelli oggi rimane il portale d’ingresso inglobato in un edificio moderno, recentemente restaurato ed adibito a sede del comune. Situata in uno dei punti panoramici più suggestivi di tutta la valle si trova la Chiesa di Santa Maria della Tribuna. Quella di Madonna delle Grazie conserva nel pronao un affresco che raffigura il giudizio universale e nell’interno un soffitto a cassettoni e diversi dipinti su tela. Infine merita una menzione il castello, di cui sono visibili resti di mura e della torre, documentato sin dal X secolo.

Il Santuario di Canneto, dal pellegrinaggio alla processione con fuochi d’artificio

A circa 10 km dal paese si trova il Santuario di Canneto, immerso nei boschi del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, meta di un pellegrinaggio di tradizione plurisecolare proveniente sia dalle regioni e città lontane che da quelle limitrofe. Nella seconda metà di agosto il paese è al centro dei tradizionali festeggiamenti per la Madonna di Canneto, che culminano nella processione notturna del 22 agosto, con meravigliosi fuochi di artificio visibili in tutta la Valle di Comino.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI