Il “beccarsi”, un modo alternativo al classico “incontrarsi” | Roma.Com

Il “beccarsi”, un modo alternativo al classico “incontrarsi”

Non ha nulla a che fare con il becco degli animali, sebbene la parola in questione possa a tratti ricordarlo. Ha piuttosto a che fare con gli incontri tra le persone, ma ecco esattamente cosa vuol dire.

Simile all’italiano corretto ma dal significato completamente diverso

Il “beccarsi” è un verbo tipico del romanesco, che manda però in confusione chi non sa cosa vuol dire, perchè è identico a una parola che appartiene però all’italiano corretto.

Chi non conosce il romanesco, può quindi confondere facilmente i due termini, che per quanto possano essere simili, hanno dei significati completamente diversi. In italiano corretto per “beccarsi” s’intende infatti il prendere qualcosa attraverso il becco oppure il punzecchiarsi o ancora il cogliere qualcuno in flagrante, mentre fa qualcosa.

A Roma invece il “beccarsi” ha un significato completamente diverso. Si usa infatti in dei contesti molto più amichevoli.

Un significato amichevole

In genere a Roma, si utilizza il termine “beccarsi” o meglio “beccasse”, nel momento in cui due persone decidono d’incontrarsi da qualche parte. Per indicare dove vorrebbero vedersi o semplicemente per organizzare il loro incontro, usano il termine “se beccamo”.

A volte la parola può anche essere inteso come un amichevole e informale arrivederci. Due persone si dicono infatti “se beccamo” con la promessa di rivedersi in futuro. È quindi un termine molto amichevole.

“Cioccare”, un sinonimo dell’italiano “beccare”

Il “beccasse” è quindi un termine che si distingue nettamente dal “beccarsi” dell’italiano corretto, che ha infatti un significato completamente diverso.

A Roma infatti per intendere la parola che normalmente viene detta con il termine “beccare”, s’utilizza il verbo “cioccare”, che si usa nelle situazioni in cui si coglie qualcuno in flagrante.

 

 

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI