La Galleria Borghese ospita la mostra dedicata a Rubens, maestro del Barocco | Roma.Com

La Galleria Borghese ospita la mostra dedicata a Rubens, maestro del Barocco

La Galleria Borghese ospita una mostra dedicata a Rubens, artista che ha influenzato molti esponenti del Barocco; oltre 50 opere visibili che raccontano del rapporto con i capolavori del Bernini e sul legame con la Roma cosmopolita del Seicento

Rubens e la mostra alla Galleria Borghese, da dove provengono le opere

La Galleria Borghese ospita la mostra Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma, a cura di Francesca Cappelletti e Lucia Simonato, con oltre 50 opere provenienti dai più importanti musei al mondo, tra cui il British Museum, il Louvre, il Met, la Morgan Library, la National Gallery di Londra, la National Gallery di Washington con un focus sul contributo dell’artista, alle soglie del Barocco, alla nascita di una nuova concezione dell’antico, dei concetti di naturale e di imitazione, con lo studio dei modelli visto come possibilità per creare un nuovo mondo di immagini.

Rubens e il suo dialogo con Bernini e Caravaggio

Roma diviene una città cosmopolita all’inizio del Seicento e luogo di incontri di nuovi artisti. La mostra rappresenta l’occasione di analizzare il controverso rapporto fra i capolavori berniniani e il naturalismo rubensiano, così come lo furono altre sculture giovanili dell’artista, come la Carità vaticana nella Tomba di Urbano VIII, già giudicata dai viaggiatori europei del tardo Settecento come una balia fiamminga. Un dialogo anche con altri esponenti di spicco della pittura del nostro Paese, da Caravaggio a Tiziano.

Rubens e il suo innovativo modo di trattare la scultura antica

Marmi, rilievi e quadri che escono ravvivati dal suo pennello per la sua capacità di rendere vivo il soggetto. Questo processo di animazione dell’antico, per quanto eseguito nel primo decennio del secolo, sembra anticipare le mosse di artisti che, nei decenni successivi al suo passaggio romano, verranno definiti barocchi. La mostra è visitabile fino al 14 febbraio 2024 con visite guidate, al costo di 8 euro, il venerdì, il sabato e la domenica alle ore 17.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.