Buon compleanno a Renato Zero, carismatica voce di una generazione | Roma.Com

Buon compleanno a Renato Zero, carismatica voce di una generazione

Tanti auguri a Renato Zero, cantautore romano che nel corso della sua carriera si è fatto portavoce di una generazione che lo ha amato e seguito con assoluta dedizione

Capolavori entrati nella storia della musica popolare

Compie oggi 72 anni Renato Zero, tra i più istrionici e amati cantautori italiani. Romano d’origine, è riuscito nel corso della sua carriera ad andare sempre controcorrente portando avanti la sua idea di musica senza seguire le mode del momento e facendosi portatore di istanze sociali che lo hanno reso voce di una generazione, quella dei sorcini, che continuano a seguirlo con dedizione assoluta. Un repertorio vasto e ricco di canzoni entrate nella storia della musica popolare, da I migliori anni della nostra vita a Triangolo. Travestimenti eccentrici si sono uniti a messaggi di fratellanza e solidarietà, uniti a una critica costante dei difetti della nazione, descritti in liriche che hanno affondato il dito nella piaga senza mezzi termini. Un cantautore che ha ispirato nuove generazioni di artisti che hanno visto in lui un punto di riferimento da cui trarre profondi insegnamenti.

Il suo rapporto con il pubblico

Il rapporto con il suo pubblico è da sempre di grande cuore, tanto che il cantautore non ha mai lesinato parole di affetto nei loro confronti. Concerti storici come quelli di questo settembre al Circo Massimo della sua Roma, sold out, che testimoniano il legame fortissimo con la sua gente. Tanti amici colleghi e del mondo dello spettacolo si uniscono ai nostri auguri. Stadi, palasport, teatri, ogni luogo è perfetto per un rito collettivo e quasi religioso a cui invita Zero durante i suoi live, mai uguali e sempre sorprendenti. Una band affiatata che lo accompagna da anni e che segue anche le stesure dei suoi numerosi dischi che lo rendono un artista alquanto prolifico e dalla ispirazione costante.

La spiritualità degli ultimi suoi lavori

Negli ultimi dischi Renato ha dato molto spazio al suo rapporto spirituale con Dio. Fervente cattolico, Zero guida l’ascoltatore verso la riscoperta della fede che vede come baluardo e via di uscita da questi giorni bui e da questa società malata di egoismo e caratterizzata da una progressiva perdita di valori a cui aggrapparsi. In Zerosettanta, diviso in due volumi, questo tema è centrale e raccontato con una lente di ingrandimento e secondo diverse sfaccettature così come in Atto di fede, doppio album accompagnato da un libro e da componimenti di musica sacra.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI