“Garbatella - Il cuore di un quartiere” una storia di cento anni riassunta da una serie di scatti fotografici | Roma.Com

“Garbatella – Il cuore di un quartiere” una storia di cento anni riassunta da una serie di scatti fotografici

La mostra accompagna il visitatore attraverso una serie di scatti alla scoperta della Garbatella, il quartiere popolare che di recente ha compiuto i suoi primi cent’anni. Andrai a vederla?

Una mostra fotografica nel cuore delle mura di Roma

Si svolge all’interno delle Mura Aureliane, esattamente nel Museo delle Mura, ovvero in uno spazio che ripercorre la storia delle antiche mura romane e che fa da contenitore a delle mostre periodiche, come per esempio “Garbatella – Il cuore di un quartiere in 100 battiti di luce“, la mostra in questione.

Andarla a vedere può essere quindi un’ottima occasione per poter conoscere la storia delle possenti fortificazioni della città, ma soprattutto per poter osservare i vari scatti di Zhanna Stankovych, che permettono di vedere con occhi diversi un quartiere che spesso passa inosservato, ma che in realtà è uno dei più affascinanti di tutta la città. Per vederli c’è tempo fino al 18 febbraio.

Una serie di scatti per esaltare la bellezza della Garbatella

Nella vita Zhanna Stankovych non è una fotografa, ma una musicista e una scrittrice. Nutre però un forte amore sia per la fotografia, che per Roma, la città che da anni gli fa da casa, che per la Garbatella, il centenario quartiere di cui ha voluto risaltare la bellezza tramite questa mostra.

Attraverso una serie di fotografie ha infatti cercato di mostrare tutto lo spirito popolare e il calore di questo angolo della città, ma allo stesso tempo ha voluto far notare com’è cambiato il quartiere nel corso degli anni.

Nella mostra infatti molte foto sono dedicate a chi, con le sue azioni, ha reso la Garbatella un posto più bello. Anche per questa ragione si prospetta davvero interessante.

Un’occasione per poter vedere il quartiere con occhi diversi

“Garbatella – Il cuore di un quartiere in 100 battiti di luce” non solo mette quindi in risalto la bellezza della Garbatella, ma cerca anche di far capire all’osservatore, quanto le azioni delle persone, possono influenzare sia la vita delle altre, che il posto in cui vivono.

Proprio per questo motivo, la mostra potrebbe dividersi in due sezioni. In una prima dedicata al quartiere in sè con tutti i suoi dettagli architettonici e i negozi e poi in una seconda che mostra invece chi nel corso degli anni ha trasformato la Garbatella nel bel quartiere che oggi siamo abituati a vedere.

Proprio per questa ragione, potrebbe essere una buona idea andare a fare un giro alla Garbatella subito dopo essere stati a vedere la mostra. La si potrebbe osservare con occhi diversi e fare ancor più caso alla sua bellezza.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI