“Lou Dematteis. Un viaggio di ritorno”, uno specchio fotografico degli anni ‘70 | Roma.Com

“Lou Dematteis. Un viaggio di ritorno”, uno specchio fotografico degli anni ‘70

Attraverso una serie di foto permette di viaggiare nel tempo e di tornare nell’Italia degli anni ‘70, alla scoperta dei suoi luoghi e della sua storia. Sei pronto a fare un tuffo nel passato?

Un balzo nel tempo tramite la fotografia

È un vero viaggio nel tempo quello che si può fare in questi giorni al Museo di Roma in Trastevere, dato che attraverso una serie di fotografie si può tornare indietro negli anni, esattamente fino al 1970.

Non occorre quindi una macchina del tempo per compiere questo lungo balzo temporale e neppure l’esposizione di oggetti come le sculture o i modellini. Bastano infatti un centinaio d’immagini. Degli scatti che sono realizzati dal fotografo Lou Dematteis durante alcuni suoi viaggi in Italia. La mostra infatti è dedicata sia a lui che ai suoi e viaggi. Si chiama “Lou Dematteis. Un viaggio di ritorno” e chiunque può vederla fino al 24 marzo.

Alla scoperta delle proprie origini e di un paese prima d’ora immaginato

Sono ben quattro le volte che Lou Dematteis è stato in Italia. La prima è stata nel 1972, anno in cui il fotografo è partito alla scoperta del belpaese spinto dalla curiosità di conoscere la terra d’origine dei suoi nonni e di vedere con i propri occhi un paese che prima d’allora aveva soltanto immaginato oppure visto in qualche fotografia.

Dopo quel viaggio è tornato in Italia in altre tre occasioni. La prima c’è stata cinque anni dopo, ovvero nel 1977, la seconda invece nel 1979 e la terza nel 1980. In questo lasso di tempo ha fatto un giro di tutta la penisola. Ha iniziato il suo tour tra il Piemonte e la Liguria e lo ha proseguito andando a Milano, a Venezia, a Bologna, in Romagna, a Firenze, Roma e Napoli, fino ad arrivare in Calabria e infine in Sicilia.

Pare che proprio dopo questo lungo viaggio ha deciso di diventare a tutti gli effetti un fotoreporter. Le foto che sono esposte all’interno della mostra non sono infatti degli scatti che ha realizzato per motivi professionali, ma semplicemente perchè era curioso di conoscere questo paese, tanto affascinante quanto unico nel suo genere.

Uno spazio romano per la cultura internazionale

“Lou Dematteis” non è però solamente il racconto dei viaggi del fotografo, ma anche un percorso che racchiude sia l’essenza dell’Italia degli anni ’70 che i cambiamenti che ha avuto negli anni ’80. Per questa ragione si può definire come un viaggio nel tempo.

Chiunque può vederla fino al 24 marzo nelle sale del Museo di Roma in Trastevere, uno spazio che da anni si pone l’obiettivo di portare la cultura internazionale a Roma. Potrebbe essere davvero interessante andare a dargli un’occhiata.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI