Raoul Bova, l'atleta prodigio divenuto sex symbol d'Italia | Roma.Com

Raoul Bova, l’atleta prodigio divenuto sex symbol d’Italia

Oggi è uno degli attori più amati d’Italia oltre che un  vero sex symbol, ma sapevi cosa faceva prima di lavorare nel mondo del cinema? E quali sono i film che preferite?

Un prodigio sia in acqua che sulla terraferma

Si è fatto conoscere al grande pubblico interpretando il ruolo di Marco in “Piccolo Grande Amore” e poi poco a poco, film dopo film ha iniziato a farsi strada nel cinema italiano e ne è diventato uno dei suoi protagonisti più amati. Il suo carisma e in modo particolare il suo fascino hanno conquistato chiunque, tanto che oggi è considerato non solo uno degli attori più famosi d’Italia ma anche un sex symbol.

Sembra però che prima di farsi conoscere per il modo di recitare, Raoul Bova si sia fatto notare in piscina. Per molto tempo è stato infatti un nuotatore agonistico che nel 2010 ha anche segnato il terzo miglior tempo di sempre nello stile libero ai campionati Master di Nuoto. La cosa non può che quindi definirlo un vero portento sia in acqua che sulla terraferma.

Il classico ragazzo della porta accanto

Sono tanti i ruoli nei film che Raoul Bova si è ritrovato a interpretare negli anni.  Probabilmente ciò che gli riesce meglio però è il recitare la parte del classico ragazzo della porta accanto, che si rivela spesso tanto bello quanto impossibile, almeno inizialmente.

Un po’ come quella che ha eseguito nel film “Piccolo grande amore“, la pellicola che gli ha aperto la strada al successo nel mondo del cinema. In questa pellicola si è infatti messo nei panni di Marco, un giovane insegnante di surf che ha fatto innamorare la giovane principessa Sofia, che per sfuggire a un matrimonio combinato si è ritrovata a fare la barista in Sardegna e che una volta conosciuto Marco non ha saputo più resistergli.

Un antagonista di Sylvester Stallone

Oggi Raoul Bova è uno degli attori più amati in Italia, ma la sua fama si estende anche in altre parti del mondo, perfino a Hollywood. Anche lì è un attore particolarmente apprezzato, tanto che per alcuni anni ha avuto la possibilità di collaborare con dei colossi del cinema, come per esempio Sylvester Stallone, il protagonista dei film su Rambo e Rocky Balboa.

Con lui ha recitato nel film “Avenging Angelo“, una commedia d’azione nella quale si è ritrovato a interpretare la parte di Marcello, un ragazzo apparentemente buono e semplice, ma che in realtà ha l’intenzione di uccidere Jennifer, la figlia di un vecchio boss mafioso. Se la dovrà vedere però con la sua guardia del corpo Frankye, il cui ruolo è eseguito dallo stesso Stallone.

Un successo dopo l’altro

Un secondo film che ha assicurato a Raoul Bova una certa fama oltre a “Piccolo grande amore” è sicuramente “Immaturi“, una pellicola che ha avuto sia una seconda parte che una serie tv a lei dedicata, “Immaturi – la serie”, per quanto successo ha avuto.

Qua l’attore si è messo nei panni di Giorgio, un neuropsichiatra infantile che di punto in bianco si ritrova costretto a ripetere l’esame di maturità insieme ad altri 25 ex studenti, perchè il suo diploma a causa di un inconveniente non risulta più valido. In Italia ha registrato un enorme successo e regalato grandi risate a tantissime persone.

Condividi:

Potrebbero ineressarti anche...

Seguici sui nostri

SOCIAL UFFICIALI